Hozro: materiali sulle arti visive a Genova





Domenica Laurenzana, senza titolo, 2005




BERTRAND LAVIER


A poco meno di tre anni di distanza dalla sua prima personale a Genova (anche questa presentata dalla galleria Locus Solus, di Vittorio Dapelo e Uberta Sannazaro), Bertrand Lavier propone un'installazione in cui l'assoluta linearitÓ della concezione si mostra presupposto di efficacia.
Un proiettore (insonoro) manda su una parete l'immagine di uno schermo televisivo (disturbato). Al centro, un televisore mostra la parvenza di una radio portatile, diffondendone la musica. Infondo, un registratore emette il suono tipico delle macchine da proiezione cinematografica.
In questo modulo tripolare lo spiazzamento che deriva dallo scambio di funzioni Ŕ architettato con la luciditÓ fredda ma non cervellotica che sembra costituire il carattere essenziale delle mosse di Lavier, in apparenza eclettiche (spazianti dai "travisamenti di oggetti" coperti, a pennellate larghe, d'una vernice spessa, ai quadri astratti ricavati da ingrandimenti fotografici di vignette di Topolino; dagli oggetti che mediante la semplice sovrapposizione assumono impreviste valenze di senso o configurazioni antropomorfe all'esposizione di pezzi dipinti da artisti "della domenica") ma in realtÓ contrassegnate da un medesimo procedimento di de/ e ri/contestualizzazione praticato - senza grevitÓ - in uno spirito di esattezza cartesiana che si applica ad una sperimentazione fondata su strappi intuitivi perpetrati alla periferia del sistema logico, con i suoi stessi strumenti.

s.r. (1987)





HOME PAGE

ARCHIVIO ARTISTI

MOSTRE A GENOVA