Hozro: materiali sulle arti visive a Genova







Marina Giannobi, Oxygen, 2001



G8, IL BLACKOUT DELL'ARTE

Basta girarlo, l'otto, ruotarlo in orizzontale, per far emergere il simbolo dell'infinito. Non altrettanto semplice, sicuramente, sarÓ far scaturire dal prossimo incontro dei capi di stato e di governo dei paesi pi¨ industrializzati un avvenire sostanziato di prospettive accettabili, anche se non prive di limiti, per gli abitanti della terra, per quella "platea dell'umanitÓ" cui la 49a Biennale di Venezia intenzionalmente dedica la sua esposizione centrale.
Che lo si voglia o no, l'arte costituisce uno dei campi in cui la globalizzazione si Ŕ realizzata con maggiore compiutezza, anticipando, almeno di un secolo, nell'emisfero occidentale, le tendenze pi¨ recenti della nuova economia. GiÓ negli svolgimenti anteriori alla contemporaneitÓ l'attenzione s'era appuntata, con Manet, sulla pittura giapponese, e poco dopo, - grazie alla mediazione di Vlaminck, Picasso e Modigliani - sulle arti primitive. Non senza riflessi e aperture esercitate, negli anni pi¨ vicini a noi, sulla produzione dei continenti africano ed asiatico, grazie a rassegne di segno ambiguo quali "Partages d'exotismes" (Lyon 2000) ed a "Mirror's Edge", allestita dal nigeriano Okwui Enwezor in varie sedi fra il 1999 ed il 2001.
Ma seppure per lo pi¨ utilizzata strumentalmente, in occasione del G8, a fini di turismo culturale (per tenersi all'impostazione di "Viaggio in Italia"), o con l'intento di avvalersi di opportunitÓ e di risonanze mediatiche, come nel caso di "VB48", la performance allestita da Vanessa Beecroft nel Salone del Maggior Consiglio, l'arte nel suo insieme non sembra voler cedere senza contesa al potere il terreno centrale della libertÓ di pensiero e di linguaggio.
Cosý, di fronte al muro innalzato contro il "Popolo di Seattle", rivendica, a Genova, con una mostra allestita nella sede di Kaiman Art in via del Molo, uno spazio franco, dove la discussione dei potenti e la protesta degli esclusi non soffochino la ricerca di nuove possibilitÓ espressive. Non icone o strategie forti, del genere di quelle che si ritroveranno a fine mese a rappresentare le valenze politiche dell'arte nella seconda metÓ del '900, nella rassegna "Antagonismes", ospitata al MACBA di Barcellona. E neppure mediazioni fra cosmopolitismo e tradizione locale, secondo gli indirizzi della rassegna "Il volto felice della globalizzazione" che andrÓ in scena ad Albissola nei giorni del summit genovese. Ne "Il blackout dell'arte", a cura di Linda Kaiser, otto autori, attivi in diverse realtÓ italiane, fra Genova, Milano e Roma, hanno realizzato, in otto giorni, opere "sul motivo", ospitate in locali di cui si prevede la chiusura anticipata per esigenze di sicurezza. Ubaldo Bertolini, pittore "anacronista" espone un disegno dove una strada indica un cammino senza barriere. Marina Giannobi, in "Oxygen", mette a fuoco il tema della sensazione d'asfissia indotta dalla restrizione degli spazi. Marco Lavagetto occulta in una scatola decorata da francobolli che documentano il ritorno della democrazia in Nigeria, una finta bomba. Il compositore Paolo Castaldi realizza uno spartito ("Tod und") che contrappone un "morendo" ad una resurrezione tracciata attraverso notazioni musicali. Elena Chiesa propone un video ("Sit-in / White-in / Wipe Off") giocato su sequenze di elementi bianchi che alludono al colore delle tute dei contestatori. Corrado Zeni allestisce una piccola installazione in cui otto figure in resina contemplano, bendate, da un piedistallo il mondo circostante. Danilo Premoli rende visibile su un computer portatile un quadro mobile dove la parola "AMO" invade lo schermo e si perpetua nel tempo. Mentre Norma Jeane consegna la sua opera impossibile ("Mind the gap", titolo riecheggiante l'avviso, ripetuto nell metropolitana londinese, a tenersi a distanza dalle rotaie) ad un foglio che propone l'apertura della galleria, incustodita, per un giorno intero, nel periodo del Vertice.

s.r. (luglio 2001)





HOME PAGE

ARCHIVIO ARTISTI

MOSTRE A GENOVA